Corso per professionisti del settore (logopedisti, TNPEE, terapisti occupazionali, psicologi, medici chirurghi, odontoiatri, fisioterapisti, educatori professionali)
Docente: dott. Marco Orlandi
Quando:
Durata: 12 h
Dove: presso il CRV in via Federico Rosazza, 26 (zona Trastevere)
Costo:
Crediti ECM erogati: 13,8
Iscrizioni: chiuse

Presentazione

Un movimento semplice come quello di una mano mentre afferra un oggetto richiede una accurata programmazione sulla base di una complessa integrazione di input afferenti ed efferenti.
Per raggiungere l’oggetto occorre valutare la distanza a cui è posto, determinare con accuratezza la posizione rispetto a noi stessi, avere consapevolezza della propria postura e dell’ambiente che ci circonda. Durante il movimento dobbiamo controllare che l’atto motorio si svolga come programmato, fornendo un costante feedback sulla posizione della mano. Tutte queste funzioni richiedono un sistema visivo efficiente sia in termini di accuratezza che di velocità.
Esplorazione saccadica, stereopsi, inseguimento e fissazione sono solo i più importanti parametri che risultano coinvolti in questo semplice gesto. 

Cosa succede se non funzionano adeguatamente? Potremmo non trovare l’oggetto o valutarlo come più distante. Potremmo non controllare la posizione della mano ed urtarlo involontariamente. 

Tutto ciò risulta più complesso quando l’oggetto è in movimento o quando dobbiamo effettuare il movimento mentre l’attenzione è su un compito cognitivo più rilevante, come nel case della scrittura.  

I Disturbi della Coordinazione Motoria, riducono il livello di prestazione in compiti di coordinazione motoria, fini o grosso motori, significativamente al di sotto del livello atteso rispetto all’età e allo sviluppo intellettivo.

Risulta quindi evidente la necessità di conoscere con accuratezza, sia in fase diagnostica che in fase riabilitativa, le competenze visive del bambino. La presenza di un deficit nei movimenti d’inseguimento visivo porta naturalmente ad una inaccuratezza nei movimenti di afferramento di una palla. è altrettanto evidente che un programma rieducativo che non tenga conto della presenza di questi disturbi visivi è destinato ad essere meno efficace. 

Obiettivi

Scopo del corso è quello di fornire un inquadramento teorico-pratico delle funzioni visive correlate agli atti motori sia in termini di competenze di base che nell’integrazione. Verranno illustrati i test utilizzati nella diagnosi, anche mediante l’analisi di casi clinici, ed i relativi criteri di valutazione. Saranno presentati percorsi riabilitativi specifici per le abilità visive correlate al movimento.

Alla fine del corso i partecipanti saranno in grado di effettuare una valutazione dei movimenti d’inseguimento e della fissazione mediante test standardizzati e potranno integrare le attività di potenziamento visivo nei programmi di rieducazione.

Programma

  • Dalla visione al movimento: le vie visive ed il feedback motorio
  • La fissazione, così semplice ma così instabile 
  • Gli inseguimenti visivi 
  • L’automatizzazione delle abilità visive 
  • Analisi di casi clinici ed interpretazione delle valutazioni funzionali
  • Come integrare la stimolazione visiva nella riabilitazione.

Torna al menù precedente

CLICCA QUI PER SCARICARE IL PROGRAMMA COMPLETO DEL CORSO IN PDF

Torna al menù precedente

Per conoscere le agevolazioni economiche per l’acquisto dei pacchetti di 2 o più corsi e gli sconti riservati ai gruppi, scrivici a corsi@crvisione.it