Nel precedente articolo abbiamo visto come si classificano i deficit della visione dei colori e le loro cause genetiche.
In questo articolo prenderemo invece in esame l’importanza del colore nell’evoluzione umana e capiremo perché anche oggi sia ancora così importante.

I colori nella storia

L’uomo primitivo doveva sopravvivere in un ambiente fortemente ostile, in cui era talvolta preda, talvolta predatore.
La possibilità di percepire il colore ha permesso ai nostri antenati di distinguere più facilmente i frutti maturi da quelli acerbi o velenosi.

Consentiva di riconoscere le caratteristiche del terreno, come la fertilità, facilitando l’insediamento nelle zone più adatte alla sopravvivenza. 
La capacità di distinguere il colore degli animali poteva permettere una rapida discriminazione tra un docile ruminante e un pericoloso felino.

I colori oggi

Al giorno d’oggi l’importanza del colore per la sopravvivenza è molto ridotta. L’uomo moderno può vivere anche in totale assenza di percezione del colore. Questo perchè sono aumentate le modalità con cui si veicolano le informazioni. L’uso dei colori nei segnali, ad esempio, rappresenta solo una parte della comunicazione. Se pensiamo al semaforo con le sue luci sappiamo che il rosso è posizionato più in alto degli altri. Quindi anche il soggetto che non vede il rosso sa quando deve fermarsi. 

i colori del semaforo

Diverso è il discorso per alcune professioni, come il pilota d’aereo o il sorvegliante di impianti industriali, in cui il colore è il primo e più forte segnale di allarme per intervenire in caso di emergenze.

Ma anche se il colore non serve per aumentare la nostra sopravvivenza, ci aiuta comunque a vivere in un mondo più piacevole.
Non sono ancora del tutto chiari i meccanismi neuropsicologici  per cui l’abbinamento di certe tonalità cromatiche induce una sensazione piacevole. Ma è esperienza di tutti i giorni che noi preferiamo utilizzare oggetti, abiti, illuminazioni con una specifica base cromatica perchè la riteniamo più gradevole  e adatta al nostro umore del momento. 


In attesa del prossimo post, scopri le altre novità dal blog

E per non perderti tutti i nostri futuri articoli, iscriviti alla newsletter!