Giochi per vedere: Identificazione

L’identificazione visiva è la capacità di riconoscere le figure rispetto ad uno sfondo.

Esistono vari fattori che influiscono sull’identificazione, come ad esempio la grandezza della figura e il contrasto figura-sfondo. La discriminazione figura-sfondo è un’abilità molto più complessa ed importante di quello che si possa pensare. Essa consente di distinguere la figura, su cui si sofferma l’attenzione, isolandola dallo sfondo circostante. Se si assiste ad un avvenimento o si guarda un’immagine con attenzione, alcune parti della scena sono considerate di primaria importanza e vengono osservateed elaborate con più attenzione (“figura”), mentre altre sono reputate accessorie (“sfondo”).

Quanto è importante l’identificazione per il bambino?

Questa capacità è basilare per avere un buon apprendimento. Infatti, riconoscere gli stimoli visivi in modo errato porta a memorizzare informazioni errate, che sono poi difficili da correggere. Molti fattori visivi influenzano una buona identificazione. Primo tra tutti una buona acuità visiva, i famosi 10/10 per intenderci.

Una corretta focalizzazione dell’immagine sulla retina è uno dei presupposti per una efficiente percezione attraverso l’attivazione di varie aree corticali. Un’acuità visiva non adeguata è indice di una visione distorta e sfuocata che impedisce di distinguere figure e dettagli nel modo corretto. Un’altra capacità legata all’identificazione è l’inseguimento visivoattraverso cui si riesce a controllare gli spostamenti degli oggetti nello spazio visivo.

Come si può potenziare questa abilità?

Una buona identificazione è connessa alla memoria visiva, che si sviluppa con l’esperienza quotidiana. Infatti, avere già conoscenza di un oggetto, di un luogo ma anche avere associato un’immagine ad un concetto facilita il riconoscimento. è possibile modificare alcune caratteristiche della figura e dello sfondo per facilitare il riconoscimento. La dimensione della figura, la luminosità dell’ambiente, il colore, l’affollamento di stimoli, il contrasto e la profondità, la distanza e la velocità di movimento relativo sono solo alcuni dei parametri che incidono sull’identificazione. Alcune anomalie della percezione cromatica possono interferire con l’identificazione.

Inoltre, la percezione è possibile solo quando due aree adiacenti hanno diversa luminanza o differente colore. Variando la luminanza si possono ottenere differenti livelli di contrasto diverso. Il riconoscimento di piccoli particolari è facilitato da un alto contrasto, come quello che si può ottenere  con una figura nera su sfondo bianco o viceversa. Per questo motivo i testi scolastici sono stampati con caratteri neri su pagine bianche.

La presentazione di una figura su sfondo uniforme è la situazione più semplice. La cauta aggiunta di elementi nel campo visivo può rendere la visione più stabile e meno ambigua, tuttavia questi elementi potrebbero risultare “distrattori”.

Vista l’importanza dell’esperienza visiva per lo sviluppo e la maturazione di questa abilità è utile stimolarla già nella primissima infanzia. In questo capitolo saranno proposti giochi indirizzati a diverse fasce di età così da poter iniziare l’allenamento il prima possibile e poterlo continuare in modo naturale per il bambino.

dott.ssa Ilaria Pino